Visite alle chiese colpite dal terremoto

chiese

Sono stati recentemente ultimati i lavori di messa in sicurezza alle Chiese di Mirabello e Buonacompra, dopo gli ingenti danni del terremoto di quasi due anni fa. Sabato 18 gennaio sarà possibile vederle al loro interno attraverso una visita guidata.

Mirabello e Buonacompra sono accomunate dalla triste sorte delle loro chiese, entrambe in parte crollate a causa il sisma del maggio 2012. Dopo mesi di lavori, i due stabili sono stati messi in sicurezza ed ora, per mostrare a cittadini ed appassionati d’arte quello che è stato realizzato, la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna, in collaborazione con la Curia di Bologna, le parrocchie e le amministrazioni comunali coinvolte, organizza visite guidate ai cantieri di messa in sicurezza. L’atteso appuntamento è per sabato 18 gennaio. La prima Chiesa aperta al pubblico sarà quella di Mirabello alle 10.00, a cui seguirà la visita all’Oratorio della Beata Vergine di San Luca sulla Via Casumaro alle 11.30. A Buonacompra di Cento, invece, sarà possibile accedere anche al cantiere della chiesa di S. Martino dalle 10.30. Le visite si svolgeranno per piccoli gruppi e termineranno entro le 13.00. Non è necessaria la prenotazione, ma il sindaco di Mirabello Angela Poltronieri – contattata da Telestense – non esclude che se le richieste dovessero essere superiori alle aspettative ed alla disponibilità di tempo, si potrebbe pianificare in futuro una seconda giornata di visite. Le operazioni di messa in sicurezza, iniziate con lo sgombero e selezione delle macerie e il trasferimento delle opere d’arte e degli arredi sacri presso il Centro di raccolta e cantiere di primo intervento istituito dalla Direzione Regionale e dalla Soprintendenza per i beni artistici di Modena al palazzo Ducale di Sassuolo, sono state realizzate per la salvaguardia della pubblica incolumità e per garantire la tutela e la conservazione dei beni culturali in vista di altri futuri interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *