Ansa: “Sgarbi in campo per Ferrara ma non candidato sindaco”

sgarbi
Vittorio Sgarbi

Sgarbi è in campo per Ferrara, ma non come candidato sindaco.

Secondo l’Ansa lo preciserebbe lui stesso, dopo che aveva parlato con i media locali della sua candidatura alle elezioni della prossima primavera.

“Sono felice di essere sindaco di Sutri – ha detto – ma non posso lasciare la mia città, Ferrara, in abbandono e, dopo alcuni sgarbi intollerabili, ho presentato la mia candidatura, dichiarandomi disponibile ad accordi con le altre forze politiche, pronte a dialogare con Rinascimento. E, proprio per non pormi il problema delle dimissioni da Sutri, ho specificato di essere pronto ad assumere qualunque ruolo compatibile, assessore, direttore di museo a titolo gratuito, promotore di festival, curatore di mostre, consulente. Tutte queste funzioni sono compatibili con il ruolo di sindaco di Sutri”.

Lunedì 3 dicembre – ore 17 – Vittorio Sgarbi si candida a sindaco di Ferrara

Vittorio Sgarbi si candida sindaco a Ferrara.

A darne notizia è il quotidiano “La Repubblica”, che riporta una nota nella quale Sgarbi spiega le ragioni che lo hanno portato ad assumere la decisione.

La lista si chiamerà “Rinascimento”.

“Da qualche mese – scrive in una nota il deputato e attuale sindaco di Sutri nel Lazio -, grazie alla determinazione e all’equilibrio di mia sorella Elisabetta, pensavo che Ferrara sarebbe stata la città giusta perché la fondazione legata al nome di mio padre e di mia madre rimanesse legata al castello come avevo proposto ben prima che un ferrarese sensibile e buono scrittore diventasse ministro dei beni culturali. L’equilibrio è durato grazie all’amore e alla forza di spirito di mia sorella fino a quando non si è deciso di allontanare (dal Castello) Niccoló dell’Arca, Bononi,Bastianino,Guercino, De Pisis, Previati,Ortolano e molti altri ferraresi, per non disturbare (a Palazzo dei diamanti) il francese Courbet per una mostra del consueto provincialismo ferrarese inaugurato dal tale Andrea Buzzoni, direttore per merito di partito e modesto emulo di Marco Goldin”.

“Certo di una vasta alleanza per la liberazione della città, da troppi decenni incatenata e sottomessa,sono disponibile con la lista “Rinascimento”, per la quale ho chiesto anche il contributo di Davide Rondoni, Giordano Bruno Guerri, Michele Ainis, Morgan, Marco Golinelli, a candidarmi sindaco.E comunque aperto a un vasto accordo con persone libere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *