West Nile, nove casi a Ferrara. Il virus si espande in tutto il nord Italia

Sono saliti a nove i casi di persone colpite della west nile e ricoverate nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale S.Anna di Ferrara. Tre, lo ricordiamo, purtroppo sono risultati fatali. Un report che, sino a quando il clima di queste settimane si manterrà tale, potrebbe essere destinato a salire

Il caldo umido di questa estate ha infatti intensificato la proliferazione della zanzara comune e quindi anche dell’aumento di casi della Febbre del Nilo non solo in Emilia, nel Veneto e nel Delta del Po. Il virus infatti si sta espandendo a macchia d’olio in tutto il nord Italia: da Bologna, che registra 18 casi di cui sei in gravi condizioni, alla provincia di Mantova, con sei persone contagiate. Dalla provincia di Verona, che conta già quattro vittime, sino all’Alto Adige e al Friuli: in Val Badia è stato infettato un turista, mentre quattro casi di contagio si sono registrati a Pordenone

Il virus della West Nile è trasmesso dalla zanzara di genere «Culex», la zanzara comune che trova il proprio habitat nelle nelle ore serali e notturne, nelle aree verdi e nei ristagni d’acqua

Nella maggioranza dei casi il virus non presenta sintomi ed in basse percentuali si manifesta con una febbre leggera. Le persone ricoverate presentavano patologie neuroinvasive: la west nile infatti può causare effetti gravi nelle persone anziane, oppure nei pazienti già affetti da malattie con fisici debilitati.

Non esiste al momento nessun vaccino contro la West Nile per questo la migliore prevenzione consiste nell’evitare il più possibile di esporsi alle punture di zanzare

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *