WMAC: gran finale nei Pandemie Games

Competizione conclusa con eccellenti risultati, così come era iniziata

Titoli, medaglie e piazzamenti strepitosi: la WMAC Italia di Ferrara ha concluso come aveva incominciato la serie dei Pandemie Games organizzata dal World Martial Arts Committee, confermandosi squadra di caratura internazionale.
Il quinto ed ultimo appuntamento si è svolto lo scorso fine settimana, momento in cui i giudici delle varie poules internazionali hanno valutato i filmati spediti dai vari atleti alla Federazione Internazionale. In competizione tutte le categorie di arti marziali tradizionali, cinesi e giapponesi, con e senza armi, oltre alla self defense.
Da Ferrara, cinque atleti hanno preso parte a quest’ultimo appuntamento, con un risultato straordinario, 8 medaglie di cui 4 del metallo più prezioso.
Il giovane Matteo Lambertini si aggiudica il bronzo nei kata di karate e uno sfavillante oro nella categoria di forme con armi; due medaglie anche per Enrico Bulgarelli, kickboxer “prestato” alle forme tradizionali che si regala un argento ed un oro tra le cinture colorate grazie al suo talento.
Argento tra gli juniores cinture nere per Marco Alvisi nei kata di karate, mentre è d’oro la performance di Marco Remelli negli hard style a mani nude.
Breve parentesi a parte per Sergio de Marchi: il maestro e preparatore del gruppo estense si aggiudica l’argento nei kata di karate tradizionale, dietro solo alla fortissima campionessa slovacca; ma nel Grand Champion a mani nude, la categoria open che raccoglieva tutti i campioni delle diverse categorie di forme, il ferrarese si supera. Non solo arriva la medaglia d’oro davanti a tutti i migliori atleti delle diverse categorie, ma anche il titolo di Grand Winner.
Il quinto Pandemie Game infatti tirava le somme di tutti gli appuntamenti, stilando le classifiche generali e premiando 4 vincitori speciali: i due atleti che avessero collezionato più punti nelle diverse categorie, ed i due atleti giudicati col punteggio più elevato in una performance durante tutti e 5 gli eventi. De Marchi è risultato l’atleta con la valutazione più elevata in assoluto, 23.7 punti su un massimo possibile di 24.
Una soddisfazione immensa questa per il gruppo ferrarese, sottolineata dalle parole del Presidente Mondiale Harald Folladori che si è personalmente complimentato con de Marchi sui social ufficiali della Federazione.
Successo clamoroso dunque per la WMAC Italia, che premia la costanza degli agonisti che anche in questo periodo non hanno mai ceduto terreno, impegnandosi per conseguire importanti risultati: a tutti loro va l’applauso della Federazione WMAC Italia, che sottolinea il loro esempio di passione e perseveranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *