Zona rossa a Pasqua: cosa si può fare nel ferrarese?

Quali sono le limitazioni durante il ponte di Pasqua? E che cosa sarà consentito fare?

Sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 aprile, in occasione delle festività pasquali, l’Italia intera sarà zona rossa. Le limitazioni, tuttavia, saranno in parte diverse rispetto agli altri giorni.

Entro i confini regionali, infatti, sarà consentito andare a trovare parenti ed amici una volta al giorno, in un massimo di due persone (oltre ad eventuali figli di età minore di 14 anni e persone disabili). Una deroga, dunque, per permettere piccoli ritrovi all’interno del nucleo familiare. Le Chiese saranno aperte per le celebrazioni religiose, ma ad ingressi contingentati. Restano tutte le chiusure già presenti in questi giorni: niente cinema e teatri, così come niente palestre e piscine. E non sarà possibile nemmeno sedersi ai tavoli di bar e ristoranti.

Sarà possibile raggiungere le seconde case, anche se alcune regioni (ma non l’Emilia-Romagna) stanno ponendo veti a riguardo. Invariato il coprifuoco dalle 22.00 alle 5.00. Il paradosso è che se un cittadino italiano vuole partire per un paese straniero potrà liberamente farlo e in tal caso dovrà sottoporsi alle misure previste dal Paese in cui è diretto. Per cui libertà di spostamento se si raggiungono porti e aeroporti, con la possibilità di trascorrere qualche giorno in altri Paesi dell’Unione Europea o in mare in crociera. Una possibilità che sta facendo arrabbiare chi opera nel turismo nel nostro Paese.

Sembrano essere buone, tuttavia, le aspettative per l’estate, con diverse persone che avrebbero già effettuato le prime prenotazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *