Zona Stadio, il malcontento dei residenti

02 zona stadio malcontentoSenso di abbandono, malcontento e sfiducia nelle istituzioni perché fino ad oggi non sono riuscite tanto bene ad arginare una situazione, quella della zona stadio, che ora non si tiene più e che forse solo nuove biciclettate spontanee dei residenti lungo le vie dello spaccio, potranno iniziare a sortire effetti postivi in un quartiere che solo qualche anno fa era una dei più prestigiosi di Ferrara.

A sentirsi così sono i residenti della zona stadio che da qualche settimana si sono organizzati in un comitato spontaneo, ma loro preferiscono definirsi gruppo spontaneo di persone, che ieri sera hanno avuto un incontro con le istituzioni locali, Comune e Prefettura e con le forze dell’ordine locali. Con i residenti della zona stadio, c’ erano anche i residenti del Grattacielo e quelli di via Oroboni, che in una sala di via Ortgiara, per l’ennesima volta, hanno dovuto manifestare il disagio di vivere in una zona dove la situazione scoppia.

Un incontro che doveva servire per fare il punto della situazione, un po’ come succede da tempo per il Grattacielo, ma che a tratti invece è stato caratterizzato da momenti di malcontento e battibecchi fra i cittadini e istituzioni.

I cittadini della zona stadio, tramite il loro portavoce, Massimo Morini, ma a lui si è aggiunto Lorenzo Marcucci e altri residenti, all’assessore alla Sicurezza Chiara Sapigni e alla rappresentante della Prefettura, Pinuccia Niglio hanno posto domande ben precise a cui – secondo il comitato – non sono state fornite altrettante risposte certe e precise.

Alle istituzioni infatti hanno fatto sapere che continueranno con le biciclettate contro lo spaccio, ma avvieranno anche tante altre iniziative fino a quando non si saranno riapropriati di un quartiere che non più sicuro per la gente e i suoi figli.

L’assessore Sapigni dal canto suo, dopo aver detto che non esiste prevenzione alla criminalità, ha annunciato un nuovo tavolo di lavoro in cui con l’assessore ai lavori pubblici Aldo Modonesi i cittadini saranno utili per programmare nuovi interventi che potranno migliorare la sicurezza della zona. Ai residenti della zona stadio intanto non resta che una cosa sola: tornare in sella alla bicicletta e combattere la criminalità che si riorganizza ogni volta e agisce di conseguenza a chi prova a contrastarla.

%CODE%

Un pensiero su “Zona Stadio, il malcontento dei residenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *